I KATAIEF القطايف

image

Questi dolcetti, sono caratteristici del periodo di Ramadan, originari dal periodo Omayyide, devono il loro nome, Kataief, alla stoffa vellutata, con cui amavano vestirsi i sultani del periodo, chiamata Katifa. La morbidezza e l’ aspetto alla cottura ricordano il tessuto.
Introvabili durante tutto l’ anno, nel periodo di Ramadan tutte le panetterie, le pasticcerie, ma anche gli ambulanti, esporranno la crepiera ( una enorme padella per cuocere crêpes ) ed inizieranno a cuocere Kataief.
Chi ha avuto la fortuna di assaggiarli, non se li potrà dimenticare, la loro dolcezza resterà a ricordo sulle vostre papille gustative.
Io proverò a raccontarvi la ricetta, è semplice, se poi avete un po’ di dimestichezza con i pancake, non dovrebbe essere difficile la sua elaborazione.

Vi serve una padella da crêpes.

Ingredienti per la pasta Kataief:
250 gr di farina 00
2 cucchiai colmi di latte in polvere
2 cucchiai di zucchero
500 gr di acqua
250 gr di latte tiepido ( se di soia la ricetta è vegana )
1/2 cucchiaio di lievito secco ( 1 bustina di quello famoso )
1 bustina di vanillina ( se avete la stecca di vaniglia, meglio)
1 pizzico di sale
1 pizzico di bicarbonato
Margarina o burro
Acqua di rose

Per la farcitura

12 noci
20 pistacchi non salati
3-4 cucchiai colmi di cocco grattugiato
1 cucchiaino di cannella in polvere

Per il caramello

1 bicchiere di acqua
2 bicchieri di zucchero ( questo caramello non dovrà indurire )

Mettere tutti gli ingredienti per la pasta Kataief in un recipiente capiente ed amalgamare tutto con l’ aiuto di un frullatore ad immersione, se avete il Bimby, mettete tutto dentro e frullate a velocità 4 per 2 minuti.
La consistenza dovrà essere quella della pastella per fritture.
Coprire e lasciar riposare in frigo per 1 ora.
Iniziate a scaldare la padella, io per fare tutti i dolci della stessa dimensione uso una tazzina da caffè come misurino. Versate nella padella il composto, dovrà rapprendersi immediatamente formando un cerchio di circa 10-15 cm di diametro e 3-4 mm di spessore. Inizieranno a formarsi delle bolle, quando vedrete che si saranno asciugate, la crepe è pronta, NON GIRATELA MAI, qui si formerà la parte vellutata di cui vi ho accennato nella descrizione del dolce.
Posate crepe per crepe su di un piano in legno oppure mettete una tovaglia sul tavolo, dovranno essere tutte con la parte vellutata in alto.
Ora preparate il ripieno: prendete le noci ed i pistacchi e tritateli al coltello, se avete voglia spellate le noci, ma non è necessario. Mischiate tutto con il cocco e metà del cucchiaino di cannella.
Prendete una teglia da lasagne e rivestitela di carta forno, iniziate a prendere una crepe e mettete sulla superficie un cucchiaio del ripieno, chiudetela a mezzaluna e con i polpastrelli fate pressione per chiudere i bordi, come fare i panzerotti, la pasta essendo non cotta al centro si attaccherà .
Mettete le mezzelune in fila nella teglia, su di ognuna appoggiate un fiocco di margarina o burro ed infornate in forno caldo a 160-170 gradi per 20 minuti.
Ora preparate lo sciroppo di caramello mettendo l’ acqua in un pentolino, seguite le dosi, sempre 1 a 2 di zucchero , girate un po’ per sciogliere lo zucchero e lasciate sobbollire per 20 minuti.
Sfornate i dolci, senza lasciarli raffreddare versate sopra lo sciroppo, tutto, dovranno andare a bagno, lasciateli così per 20 minuti, il tempo di assorbire il caramello.
Toglieteli dalla teglia e metteteli su di un piatto da portata spolverizzandoli con la restante cannella.

Provateci, ne vale la pena!!!

Buon appetito! e Felice Ramadan! صتين و عافية و رمضان سعيد

Annunci

I FALAFEL فلافل

image

Oggi vi delizio con la più famosa delle colazioni arabe, i falafel. Queste polpettine assolutamente vegetali, rappresentano l’ esportazione culturale mediorientale per eccellenza.
Trovarli buoni è un altro discorso, sarò prevenuta, è probabile, ma fuori da Giordania e Palestina trovo i falafel ORRENDI!!!
Vi dico subito che un mediorientale non farà mai in casa queste delizie, oltre ad essere elaborate, perché non è vero, come vogliono far credere, che siano di facile esecuzione , sono anche costose e non rendono . In tutti i paesi mediorientali i falafel vengono fritti in strada, si comprano direttamente caldi e si portano a casa. Una dozzina di polpette costano circa 1 dinaro ( circa 1,2 euro )in Giordania e vi garantisco che 12 falafel sfamano. Farli in casa ,quindi, non conviene.

Gli ingredienti per i falafel sono:
– 400 grammi di ceci
– bicarbonato 1 cucchiaino
– una cipolla tritata
– un mazzo di prezzemolo
– due spicchi di aglio
– 2 cucchiaini di cumino
– un cucchiaino di coriandolo macinato
– olio per friggere
– un pizzico di pepe
– sale quanto basta.

Mettete a bagno i ceci per 24 ore in acqua con il cucchiaino di bicarbonato .
Finito l’ammollo, sciacquarli ed asciugarli alla perfezione, più saranno bagnati e meno l’impasto starà assieme costringendovi ad aggiungere farina e andandone di mezzo il gusto.
Asciugando i ceci con uno strofinaccio andrà via da sola la buccia evitandovi il disturbo di toglierla uno ad uno.
Mettete i ceci e tutti gli ingredienti in un mixer e tritate fino a quando si formerà un composto cremoso e granuloso insieme.
Fate riposare in frigo per 2 ore.
Mettete sul fuoco la pentola con l’olio ( usate una pentola con i bordi alti e non lesinate con l’olio, dovrà almeno coprire la metà ).
Intanto che l’olio si scalda, iniziate a formare le polpette, se non possedete l’attrezzo apposta usate un cucchiaio e aiutatevi con le mani. Formate le polpette una ad una e adagiatele su di un tagliere di legno, così non si attaccheranno, non dovranno nemmeno toccarsi.
Buttate nell’olio BOLLENTE, se non sarà sufficientemente caldo si disferanno o si riempiranno di olio, le polpette una ad una, circa 5-6 per volta, appena si colorano di un bel marrone scuro saranno pronte.
Vanno mangiate calde, non credete a chi vi racconta che sono buone anche fredde, sono davvero disgustose ed inoltre vi faranno venire tanta di quell’aria nell’intestino che vi faranno vergognare di averle mangiate per almeno un paio di giorni!

L’ideale è mangiarle accompagnate dalla salsa tahine. Vi do una mini ricetta velocissima e buona :
Acquistate un barattolo di salsa tahine, in qualsiasi supermercato.
Prendetene 2 cucchiai colmi, aggiungete il succo di un limone sale e pepe e diluite con acqua fino ad ottenere una Cremona piuttosto liquida. Fatto non vi serve altro.

Buon appetito !!!