image

Oggi ho voglia di strafare, per questo vi presento questa ricetta, che novità , direte, lo so tutti conosciamo le melanzane alla parmigiana, ma come dicevo , la ricetta che voglio consigliarvi ha tre versioni: la prima quella famosa, la seconda quella velocissima e la terza un po’ particolare.

La versione famosa

3-4 melanzane lunghe
2 mozzarelle
Basilico
Salsa di pomodoro
Parmigiano
2 uova
Pane grattato
Olio per friggere

Tagliare le melanzane per lungo e metterle a fare l’acqua per un’ ora circa in uno scolapasta e spolverizzandole di sale grosso.
Quando avranno spurgato l’acqua, togliete il sale restante e asciugatele bene .
Ora preparate le classiche melanzane impanate: sbattete le uova intingete una ad una le melanzane e poi passatele nel pane grattato quindi, mettetele nell’olio bollente.
Prendete una teglia da forno ed iniziate a fare gli strati con le melanzane, la salsa di pomodoro, la mozzarella, foglie di basilico e parmigiano. Sull’ ultimo strato abbondate con il parmigiano e date anche una spolverata di pane grattato, saranno più golose.

Versione velocissima

1 confezione di melanzane grigliate surgelate
2 mozzarelle
1 galbanino o sikanino
Salsa di pomodoro
Basilico
Parmigiano
Pane grattato
Prendete la teglia e iniziate a fare gli strati come nella versione precedente. Nell’ultimo strato dopo aver messo il parmigiano spolverizzate sempre con il pane grattato.
Questa versione è davvero veloce, meno calorica della precedente perché non prevede la frittura delle melanzane.

La versione un po’ particolare

1 confezione melanzane grigliate surgelate o se avete voglia preparatele voi
2 patate
400 gr di ricotta
200 gr di ricotta salata grattugiata
Salsa di pomodoro
Parmigiano
Pane grattato
Olio per friggere
Per prima cosa tagliate a fette le patate , friggetele , salate e pepate.
In una terrina mettete la ricotta con quella salata e grattugiata, amalgamate bene, se dovesse risultare troppo asciutta aggiungete del latte, deve diventare una crema .
Prendete la teglia ed iniziate a stratificare: melanzane, un po’ di salsa ( non molta ), la crema ed una grattata di parmigiano; le patate, un po’ di salsa, la crema ed una grattata di parmigiano e così via fino all’ ultimo strato dove metterete la spolverata di pane grattato per ultima.
Tutte e tre le versioni andranno cotte in forno per circa 30 minuti a 200 gradi.Buon appetito !

Annunci

image

Un ladro voleva derubare la casa di Giuha, perciò andò da lui nel cuore della notte e si arrampicò sul tetto della casa.

Giuha dormiva accanto a sua moglie quando sentì il rumore dei passi di un ladro, si svegliò e svegliò sua moglie . . .

Giuha bisbigliò alla moglie: ” Deve esserci un ladro sul tetto della nostra casa”

Giuha rifletté un po’ e disse: ” Fai ciò che sto per dirti . . . io fingerò di dormire, tu svegliami chiedendo ad alta voce: “Giuha, Che cosa è tutto questo denaro? ”

Sua moglie fece ciò che gli aveva detto domandando ad alta voce: ” Giuha, Giuha, che cosa è tutto questo denaro? Dove hai raccolto tutti questi soldi? E quando? ”

Giuha rispose adirato: ” Mi svegli dal sonno a questa ora tarda per chiedermi da dove proviene questa ricchezza?

La moglie disse: “Non riesco ad avere pazienza, Giuha, informami a proposito di questa grande ricchezza”.

Giuha disse: “Quando ero giovane scassinavo le abitazioni”.

La moglie disse: “Tutta questa ricchezza viene dalle irruzioni nelle case? Non ti credo”.

Giuha rispose: “Moglie, se ti confidassi il segreto di questa storia, non mi crederesti”.

La moglie disse: “Su raccontami Giuha!”.

Giuha disse: ” Te lo dirò, ma questa faccenda è un segreto, e se dovesse saperlo un ladro ruberebbe tutto ciò che possediamo”.

disse la moglie: “Giuha, desidero ascoltarla” .

Giuha disse: “Salivo sui tetti delle case e osservavo il cielo, se la luna non c’era l’aspettavo”.

“Che cosa c’entra la luna con questo?” domandò la moglie interrompendolo.

Giuha rispose: “Allo spuntare della luna mi appendevo alla luce che usciva dal lucernario della casa e dicevo “shùlum bulum” sette volte “.

“Oh Giuha, e dopo cosa succedeva? ” chiese la moglie.

Giuha rispose: “Abbracciavo forte la luce e mi calavo senza una corda, caricavo ciò che potevo e poi risalivo senza che nessuno della famiglia della casa se ne accorgesse”.

Quando il ladro sentì queste parole si disse allegro: ” Si tratta di un gran bottino! Davvero è una notte di felicità, come sei sciocco Giuha! Perderai tutto ciò che possiedi”.

Il ladro osservò il cielo e quando apparve la luce della luna verso il lucernario della casa di Giuha, l’abbracciò dicendo “Shùlum bulum” sette volte, poi si lasciò cadere dall’alto della casa.

Precipitò sul terreno del lucernario, si ruppe le costole, si alzò curvandosi e gridando dal dolore; Giuha si precipitò verso di lui, gridando alla moglie di accendere una candela prima che il ladro scappasse.

Il ladro sofferente disse a Giuha: “Giuha, da chi diamine hai imparato questo metodo grandioso? Ed io con questa stupida mentalità (ragionamento) non potrò scappare”.